Antonio Marras

Antonio Marras

Marras non disdegna le contaminazioni e nelle sue creazioni si possono trovare diversi riferimenti, al costume e all’arte: il teatro di Gogol e l’Ofelia di Shakespeare, i quadri di Klimt e le opere di Boltanski, il costume sardo e il kimono giapponese.

La terra d’origine è una fonte d’ispirazione e di stimoli continui, e questo è semplicemente dovuto alla sua storia

La sua estetica, il “taglia e incolla”, sono caratterizzati da una lavorazione artigianale, da forme minimaliste, da rovinature casuali, date dalle bruciature impresse su tessuti pregiati, e dall’uso di preziosi broccati che si mescolano a tessuti vintage e orli a vivo. Marras si avvale di tecniche di lavorazione che egli stesso definisce “maltrattamenti”, eseguendo strappi, opacizzazioni, macchiature e incrostazioni di sale.

“L’arte per me è una passione, e come tale va coltivata. Mi informo, la cerco e vi dedico tutto il tempo che posso.

Se una mostra, una performance o uno spettacolo mi interessano, nulla mi frena e rinuncio a tutto pur di non perdermeli.

Per chiunque faccia il mio mestiere, l’arte è una molla potentissima e una grande fonte di ispirazione, e io sono sempre affamato di immagini e di suggestioni…”

Antonio Marraslenastore